Posts tagged ‘Insieme’

8 marzo 2012

Campagna NOA5… protesta contro il caro autostrada!


L’autostrada valdostana è la più cara d’Italia. Senza nessuna giustificazione plausibile noi paghiamo da Quincinetto ad Aosta più del doppio di qualsiasi altra autostrada. Se siete Trentini e dovete prendere per lavoro l’autostrada di “montagna” da Ala/Avio fino a Vipiteno pagate, per 165 km, sia d’estate che d’inverno, 0,072 € a km. Per i nostri 55 km paghiamo 9,20 € ovvero la bellezza di 0,167 € a Km.

E’ intollerabile! Occorre far sentire la nostra voce in modo visibile e chiaro.

Per questo vi proponiamo di:

-Smettere, se potete, di prendere l’autostrada.

-Di stampare questo adesivo e di apporlo sulla vostra macchina, senza ostacolare la visuale di guida.

PUOI SCARICARLO A QUESTO LINK  ADESIVO AUTOSTRADA

-Di diffonderlo, distribuirlo e mandarlo via mail ai vostri consiglieri regionali, comunali e a chiunque possa fare qualcosa.

BISOGNA FAR SENTIRE LA NOSTRA VOCE E CAMBIARE QUESTA SITUAZIONE

Partecipa!

Diffondi!

Regala!

Protesta, insieme a noi, contro l’assurda gestione della nostra autostrada da parte di Sav e Rav!

L’autostrada più cara d’Italia è già oggi oltre tutti i parametri stabiliti dalla legge e già annunciano nuovi aumenti.

Nel 2011 hanno dichiarato utili per 6 milioni di euro… presi dai nostro portafogli!

Non prendere l’Autostrada se puoi….

Stampa a colori, su carta normale o adesiva, e applicalo sulla tua macchina senza alterare la visibilità di guida.

21 dicembre 2010

Pendolari stanchi, arrabbiati e on-line

L’anno che stiamo lasciando alle spalle è stato uno dei peggiori per il trasporto ferroviario valdostano. L’esperienza del pendolare e dell’utente medio della tratta Aosta – Torino non è mai stata così degradante con ritardi sempre più ricorrenti, i vagoni in condizioni pessime, le carrozze fredde d’inverno e roventi d’estate. Cresce la stanchezza e l’arrabbiatura per una situazione che sembra non trovare strade di soluzione. Questo sito nasce sulla scia di una Assemblea dei pendolari, organizzata dal Partito Demcoratico, e dalla voglia di molti, emersa in quella sede, di fare qualcosa, di rimanere in collegamento continuando a sollecitare le forze sociali, quelle politiche, le istituzioni e  tutti i cittadini a non disinteressarsi della questione. Una tratta ferroviaria efficiente, veloce e moderna non una questione di pochi. E’ un modo costruire il futuro sviluppo della Valle d’Aosta.