Archive for dicembre 2nd, 2015

2 dicembre 2015

VERGOGNA!

neriApprendiamo dalla stampa della sospensione

del servizio sulla tratta ferroviaria Aosta-PreSaintDidier

 

VERGOGNA!

Aosta Mercoledì 2 DICEMBRE 2015

VERGOGNA!

Siamo indignati per la perdita di un patrimonio economico, storico e culturale come la ferrovia Aosta-Pré St. Didier, nonché per la miopia dell’Amministrazione regionale che:

• permette a RFI di NON effettuare i dovuti investimenti su un bene che è di sua proprietà

• non riesce ad intravvedere in una simile direttrice di fondo valle una potenzialità di sviluppo dell’economia valdostana

• priva di i cittadini dell’alta valle di un servizio primario come il trasporto pubblico

• congestiona la viabilità in entrata e uscita da Aosta verso l’alta valle, con aumento dei tempi di percorrenza (già critici) in ingresso e uscita dal capoluogo nelle ore di punta, nonché dei livelli di inquinamento atmosferico

• si chiude in logiche miopi e anacronistiche (senza andare all’estero ricordiamo solo che nella Provincia Autonoma di Bolzano allungano, rifanno ed elettrificano le ferrovie alpine con finanziamenti autonomi, degli enti locali e di RFI…..), mirando ad un falso risparmio immediato a fronte di ulteriori e certi costi per il futuro

Siamo preoccupati per il destino dell’intera linea ferroviaria, in quanto, concedendo a RFI di non ottemperare ai propri obblighi contrattuali, si è creato un pericoloso precedente che potrebbe essere replicato anche sull’Aosta-Ivrea-Chivasso negli anni a venire.

Perché RFI in Alto Adige effettua gli investimenti necessari per avere una linea efficiente e in Valle d’Aosta no?

Siamo più che scettici in merito alla possibilità di riapertura della tratta.

Temiamo anzi il degrado e l’abbandono della linea a fronte di facili speculazioni edilizie.

Invitiamo gli amministratori a riflettere sui costi da sostenere in caso di riapertura o anche solo di smantellamento della tratta

Ricordiamo la già poco lungimirante decisione di eliminare l’elettrificazione negli anni sessanta, che ha determinato un primo disinvestimento, mentre oggi si sta tornando all’elettrico in ogni dove.

La chiusura dell’Aosta-Pré St. Didier è il primo concreto risultato del passaggio di competenze in merito al trasporto ferroviario dallo Stato alla Regione Autonoma Valle d’Aosta!

E dire che avevamo tanto voluto che avvenisse il passaggio del contratto di servizio da Stato a Regione, come è in tutta Italia…..