Archive for settembre, 2014

30 settembre 2014

GIOVEDI’ 2 OTTOBRE PRESIDIO CONTRO I TAGLI AL SERVIZIO FERROVIARIO

Senza titoloPendolari, utenti e cittadini protestano contro i tagli prospettati da Trenitalia

Ci risiamo! Dopo le vicende di Marzo e di Luglio siamo ancora nella situazione di dover reagire alla minaccia di Trenitalia di cancellare oltre la metà dei convogli del servizio pubblico ferroviario.
I tagli prospettati renderanno inutilizzabile la ferrovia per migliaia di cittadini valdostani e piemontesi rendendo, di fatto, la nostra regione isolata in una fase delicatissima della vita socio-economica delle nostre comunità.

Nessuno mette in dubbio i diritti del fornitore del servizio ma è scandaloso che Stato, Regione e Azienda, pur essendo tutti e tre, in forme diverse, soggetti riconducibili a responsabilità pubbliche non trovano le modalità per garantire il diritto alla mobilità dei cittadini.
!

Questi tagli sono inaccettabili!
Regione, Stato e Trenitalia trovino una soluzione definitiva! Basta con le minacce, i ritardi e gli scaricabarile.

Per far sentire la voce dei pendolari, degli studenti, degli utenti e dei cittadini l’Associazione organizza un

PRESIDIO DI PROTESTA per GIOVEDI’ 2 OTTOBRE
dalle ore 17 in Place Des Franchises/Croce di città ad AOSTA
per sensibilizzare le istituzioni e le forze politiche a scongiurare questa situazione.

ASSOCIAZIONE PENDOLARI STANCHI VDA

 

SCARICA IL VOLANTINO, FOTOCOPIALO E DIFFONDILO!

Volantino Tagli Ferrovia 2Ott

29 settembre 2014

La lettera di TRENITALIA sui tagli

logo-aostanews-piccolo
Da AostaNews24
Riportiamo di seguito la lettera che Trenitalia ha inviato alla Regione Valle d’Aosta in merito alla questione della soppressione di parte del servizio ferroviario sul territorio regionale. La lettera è stata inviata in copia, oltre che all’Assessore ai Trasporti della Regione, anche al Presidente Augusto Rollandin, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, al Ministero dei Trasporti e a quello delle Finanze.
“Facendo seguito alle nos. precedenti note del 14 luglio 2014 e del 23 luglio 2014 inviate alla Regione Valle d’Aosta, che ad ogni buon fine si allegano alla presente, prendiamo atto con sconcerto che per il pieno trasferimento delle competenze relative al servizio ferroviario di interesse della Regione Valle d’Aosta non risulta essere ancora completato alla data odierna.
Ciò premesso, laddove il suddetto trasferimento non intervenga neanche entro la data del 30 settembre p.v. — termine che responsabilmente questa Società aveva inteso concedere nello scorso luglio — procederemo a partire dal 5 ottobre 2014 alla riduzione del servizio, garantendo l’espletamento dei soli servizi minimi essenziali; a tale riguardo forniamo in allegato gli estremi dell’orario che sarà attivato a partire da tale data.
Ciò in ottemperanza — non essendo allo stato dei fatti giustificabile ogni ulteriore dilazione — di quanto disposto dall’art. 17 del Decreto Legge del 6 marzo 2014 n. 16 convertito in Legge 2 maggio 2014 n. 68 che come noto recita testualmente “Qualora l’intesa tra lo Stato e la Regione Valle d’Aosta di cui l’articolo 1, comma 515, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 non sia raggiunta entro il 30 giugno 2014, e comunque il trasferimento delle funzioni non sia completato entro il 31 luglio 2014, al fine di non aggravare la posizione debitoria nei confronti del gestore del servizio ferroviario,  lo stesso provoede alla riduzione del servivi garantendo l’effettuazione dei servizi minimi e necessari”.
Nonostante tuta la disponibilità e gli sforzi profusi, questa Società continua infatti a soffrire a causa di una grave situazione di stallo venutasi a determinare, suo malgrado, nella interlocuzione con le Amministrazioni in indirizzo; senza contare, inoltre, che il mancato completamento del citato trasferimento di funzioni non ha consentito la regolarizzazione del pagamento degli oneri pregressi relativi al servizio svolto. Tale situazione evidentemente determina ingenti danni a Trenitalia che si riserva pertanto di agire in tutte le opportune sedi per la tutela dei propri interessi.
Auspicando comunque, ancora una volta, un pronto e risolutivo intervento di codeste Amministrazioni entro il termine del 30 settembre p.v. al fine di completare il suddetto iter di trasferimento e tutelare così la mobilità dei cittadini della Valle d’Aosta, si porgono Distinti saluti.”
g.p.
26 settembre 2014

CI RISIAMO! BASTA PRENDERE IN GIRO I CITTADINI!

neriCI RISIAMO!

Ancora una volta si preannunciano tagli draconiani alle corse e la Valle d’Aosta sembra sempre più il centro di un teatrino indegno di un paese civile. Qualcuno deve risolvere e qualcuno deve assumersi la responsabilità di una situazione che ormai ha del ridicolo!

CERTO I PENDOLARI E GLI UTENTI DEL TRASPORTO FERROVIARIO VALDOSTANO NON STARANNO A GUARDARE!

logo

Da Aostasera

Ferrovia, dal 5 ottobre Trenitalia dimezza le corse. Dalle attuali 89 si passerà a 37

Trenitalia rispolvera il piano di tagli annunciato nel febbraio scorso. E così dal 5 di ottobre il numero di corse nei giorni lavorativi sulla tratta tra Aosta e Torino sarà dimezzato e passerà dalle attuali 89 a 37. A comunicarlo è la stessa Trenitalia che ha informato oggi la Regione Valle d’Aosta della riduzione dell’offerta “conseguente alla perdurante assenza di un contratto che consenta il pagamento dei servizi e permetta di regolarizzare i pregressi, che hanno superato ormai i 78 milioni di euro per servizi svolti dal 2011 e mai pagati”, si legge nella nota della società ferroviaria.

“Già a luglio scorso – prosegue il comunicato dell’azienda – Trenitalia aveva inviato una lettera alla Regione e ai ministeri dell’Economia e Finanza e delle Infrastrutture e Trasporti per informarli della situazione ed anticipare le possibili conseguenze”. 

Le variazioni all’orario saranno rese note, spiega ancora la società, con locandine affisse nelle stazioni.

di Redazione Aostasera