Archive for febbraio 26th, 2014

26 febbraio 2014

ATTENZIONE!! Cancellati i Tagli alla ferrovia!

Da AOSTASERA: Colpo di scena nella vicenda dei tagli alle corse ferroviarie valdostane. Mentre il Consiglio regionale era intento a trovare la quadra su una risoluzione condivisa, Trenitalia ha fatto marcia indietro sulla scelta annunciata nei giorni scorsi. La comunicazione è arrivata direttamente dal Direttore regionale Gregorio Pascale agli uffici locali che hanno quindi provveduto a togliere nelle stazioni delle due regioni gli avvisi che informavano delle modifiche agli orari.

26 febbraio 2014

NO ALLA MORTE DELLA NOSTRA FERROVIA!! Scriviamo a Renzi e a……….

imm volantino

All’Assemblea di ieri i pendolari hanno deciso di mobilitarsi in tutti i modi per scongiurare i tagli annunciati da Trenitalia per Domenica 2 Marzo.

1) Bisogna rendere chiaro al Consiglio regionale e alla Giunta Regionale l’assoluta emergenza in cui dovremo vivere da Lunedì!

2) Bisogna scrivere (mail, lettere, sms, volantini….) a tutti gli interlocutori: MATTEO RENZI Presidente del Consiglio centromessaggi@governo.itmatteo@matteorenzi.it, MAURIZIO LUPI Ministri Trasporti segreteria.lupi@mit.gov.it, AGUSTO ROLLANDIN Presidente Regione presidenza@regione.vda.it, AURELIO MARGUERETTAZ Assessore ai trasporti a.marguerettaz@regione.vda.it, RUDY MARGUERETTAZ Deputato marguerettaz_r@camera.it, ALBERT LANIECE Senatore albert.laniece@senato.it,  GREGORIO PASCAL Direttore Reg Trenitalia p.gregorio@trenitalia.it.

3)SOLIDARIETA’ AI LAVORATORI DI TRENITALIA E RFI CHE RISCHIANO IL LORO POSTO DI LAVORO

4) Se le cose non cambiano entro le prossime 48 ore  MOBILITAZIONE GENERALE! SCENDIAMO IN PIAZZA!

VENERDì 28 ALLE 17 IN STAZIONE DIMOSTRIAMO TUTTA LA NOSTRA PROTESTA DI CITTADINI, STUDENTI, LAVORATORI PENDOLARI.

imm vol 2

Di seguito il testo della lettera che abbiamo mandato al Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

Gentile signor Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi

Palazzo Chigi, ROMA

Dal 2 marzo 2014 Trenitalia, concessionaria del servizio pubblico ferroviario in Valle d’Aosta per conto del Ministero dei trasporti, ha deciso unilateralmente e con un preavviso ingestibile, di tagliare il 60% delle corse sulla tratta Torino-Ivrea-Aosta- Pré St. Didier, a causa del mancato pagamento del canone di servizio degli ultimi tre anni, pari a circa 70 milioni di euro. Soldi che tutti assicurano esserci ma che nessuno, per ragioni diverse e secondarie, pare voler sbloccare. Non Le sfuggirà che una tale decisione, soprattutto in momento di grave crisi per le fasce socialmente più deboli, penalizza gravemente l’utenza pendolare e mette a rischio molti posti di lavoro che devono poter contare su un servizio

pubblico efficiente e funzionale. Nello spirito del “fare” che contraddistingue la Sua azione politica La invito ad attivarsi al più presto, attraverso i necessari confronti con Trenitalia, Il Ministero dei Trasporti e la Regione autonoma Valle d’Aosta, per far sì che venga risolto il problema del mancato pagamento e scongiurato il pericolo dei preannunciati tagli al servizio. Da Domenica noi non potremo più “fare”, studiare, lavorare e muoverci in Valle d’Aosta. Fiducioso in un suo immediato interessamento sulla questione, La salutiamo cordialmente e Le auguriamo buon lavoro. 

 ASSOCIAZIONE PENDOLARI STANCHI VDA

Aosta, lì 26 febbraio