Dallo Stato 521 ml di Euro! (e non è un refuso anche se sarà RFI a gestirli) Dalla Regione tagli ai contributi per gli abbonamenti dei pendolari

fotoIn un momento decisivo per il futuro della nostra ferrovia la confusione sembra regnare sovrana e i pendolari, ancora una volta ne pagano il prezzo. Nelle more dei tagli al bilancio regionale ci dicono, senza che nessuno abbia pensato di convocarci o ascoltarci, che la Regione vuole tagliare i contributi sugli abbonamenti per i lavoratori e per gli studenti che prendono il treno tutti i giorni. Un abbonamento Aosta – Torino costa alla famiglia valdostana 840 euro l’anno per un servizio precario e obsoleto che ci costringe a 4 ore e 30 min di viaggio al giorno. E’ così che si combatte la crisi? E’ questo il modo con il quale la Regione intende sostenere i cittadini?

Nel momento in cui ricominciano i ritardi e le soppressioni dei treni…

mentre la Aosta Prè-Saint-Didier viene lasciata morire dirottando i fondi stanziati per il suo miglioramento… mentre i nostri parlamentari tergiversano sul passaggio di competenze…. 

mentre si sprecano 50 milioni di euro per comprare dei bimodali che complicano invece di risolvere i problemi del trasporto pubblico…. 

mentre il più grande finanziamento infrastrutturale dello Stato in territorio valdostano viene snobbato e trattato come un refuso…. e alla fine verrà gestito da RFI anziché dalla Regione come si legge nel nuovo testo della legge stabilità approvato dal Senato…

ecco la ciliegina sulla torta: niente più sostegno economico ai pendolari!!!

Un regalo al trasporto privato, all’inquinamento e al traffico stradale. Un aiuto alla crisi economica della Valle!

Chiediamo al Consiglio Regionale di opporsi a questa deriva e ai tagli sui trasporti.

Chiediamo alla Regione di dire con chiarezza cosa vuol fare del trasporto pubblico ferroviario.

Chiediamo di sospendere il bando per l’acquisto dei bimodali.

Chiediamo che i 521 milioni stanziati dallo Stato (salvo approvazione definitiva) siano usati per ammodernare l’infrastruttura ferroviaria attraverso il progetto di elettrificazione della linea, il raddoppio selettivo di alcuni tratti e l’eliminazione dei passaggi a livello da Prè-Siant-Didier fino a Chivasso.

In questo senso, e per spiegare (ancora una volta…) i vantaggi dell’elettrificazione, stiamo organizzando per  Lunedì 9 Dicembre un convegno con esperti del settore. Un modo per ragionare insieme e pubblicamente sul futuro della ferrovia e della Valle d’Aosta.

One Trackback to “Dallo Stato 521 ml di Euro! (e non è un refuso anche se sarà RFI a gestirli) Dalla Regione tagli ai contributi per gli abbonamenti dei pendolari”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: