Archive for novembre 5th, 2013

5 novembre 2013

SORPRESA: I soldi per l’elettrificazione ci sono!!!

Immagine

La regione sospenda l’acquisto dei Bimodali e si attivi subito con il Governo e la Regione Piemonte 

Aosta Martedì 5 Novembre 2013. 

 Ieri mattina, ad Ivrea, il Vicepresidente della Commissione Trasporti del Senato Stefano Esposito (PD) ha annunciato, in una conferenza stampa con il sindaco Della Pepa a cui era presente il nostro Presidente Massimo Giugler, uno stanziamento di 521 milioni in tre anni (articolati in 150 nel 2014, 301 nel 2015 e 70 nel 2016) per l’ammodernamento della linea ferroviaria Chivasso Ivrea Aosta. La cifra dovrebbe essere contenuta a scavalco tra Legge di Stabilità e il cosiddetto “Decreto fare 2” in arrivo per Gennaio. Lo Stato metterà a disposizione in tre anni una cifra importantissima per l’elettrificazione, il raddoppio selettivo dei binari, la messa a norma delle gallerie, l’eliminazione dei passaggi a livello e il rinnovo dei materiali rotabili. 

Se la notizia verrà confermata dal voto del Parlamento ci troveremmo di fronte alla svolta definitiva per risolvere definitivamente i problemi della Valle d’Aosta compreso, con ogni probabilità, anche il tatto tra Aosta e Prè-Saint-Didier.

E’ urgentissimo che la Regione e i nostri Parlamentari (…che forse non ne erano a conoscenza(?)) si attivino immediatamente per presidiare e sostenere questi provvedimenti e per concertare con la Regione Piemonte, RFI, Trenitalia, gli enti locali e gli utenti un progetto operativo di ammodernamento. Infatti la logica del Governo, come ha spiegato Esposito, è che le risorse date ai territori e che i territori non dimostrano di aver capacità di usare, verranno ritirate e riassegnate. 

Per dimostrare che siamo in grado di progettare e investire avremo tempo fino al 30 giugno 2014.

In questo senso vanno immediatamente sospese le procedure per l’acquisto dei Bimodali (il cui utilizzo diventa ancor più fuori luogo alla luce di questa notizia) considerando quelle risorse come utili ad acquistare  locomotori idonei per Aosta-Prè-Saint-Didier e va convocato subito un tavolo di lavoro con tutti i soggetti interessati come gli utenti, i sindacati e le imprese e, naturalmente,  gli amministratori piemontesi”.

Coinvolgere tutti per un grande obiettivo di sviluppo e di modernità: una ferrovia normale!