Archive for ottobre 14th, 2013

14 ottobre 2013

Reportage di Gazzetta Matin: Cosa pensano i pendolari dei Bimodali?

logoTra orari pazzi e la corsa ad accaparrarsi un posto

CARLO ALBERTO Carlo Alberto, studente del primo anno di specialistica al SUISM di Torino: «il principale disagio causato da questo viaggio è l’assalto ai posti durante il cambio di treno a Ivrea. In particolare nel ritorno a casa infatti, il treno verso Aosta è troppo piccolo, i posti non sono mai sufficienti e spesso, se non si è abbastanza veloci, bisogna trascorrere la seconda metà del viaggio in piedi o seduti per terra. Ciò che davvero mi stupisce è che questa situazione è ormai vista come una normalità da parte di molti. Credo però che i treni bimodali non possano rappresentare davvero la risoluzione del problema. Trattandosi di un sistema provvisorio e per altro molto costoso forse sarebbe meglio l’elettrificazione della linea». ILARY Ilary, studentessa al secondo anno di Medicina Veterinaria: «lo scorso anno sono rimasta bloccata a Chivasso per più di un’ora dal momento che il treno che avremmo dovuto cambiare non era presente. Nonostante per quest’anno non si siano ancora verificati grandi disagi sul tratto, eccetto qualche ritardo, credo i treni bimodali possano rappresentare un’ottima soluzione. Ne ho sentito parlare e si tratterebbe di treni parzialmente elettrici che permetterebbero finalmente a noi studenti di raggiungere la stazione di Porta Susa senza dover più cambiare». ERICA Erica, studentessa del secondo anno di psicologia: «il cambio del treno, spesso anche più volte in un solo viaggio e la lotta per accaparrarsi un posto a sedere durante il cambio a Ivrea sono gli aspetti più faticosi del viaggio.

read more »