Archive for giugno, 2012

30 giugno 2012

Oggi banchetti in Pz Chanoux e in Croce di città

@PendolariVDA: #pendolaristanchivda Salviamo la AOPSD. Oggi fino alle 13 in pz Chanoux e poi in Croce di città! http://t.co/FPYgIlwW

20120630-093650.jpg

27 giugno 2012

Comunicato stampa: ”No ai tagli sulla ferrovia”

COMUNICATO STAMPA

”No ai tagli sulla ferrovia” 

Tagliare il servizio di trasporto pubblico ferroviario in Valle non serve a risparmiare ma a deprimere ancora l’economia del territorio.

 

 

 

Aosta Mercoledì 27 Giugno 2012. 

 

Bene ha fatto la Regione e i sindacati ad alzare la voce e a chiedere un tavolo per evitare che i paventati tagli ai trasferimenti per il servizio ferroviario possano realizzarsi e tradursi in un taglio del servizio.

 

La Valle d’Aosta non può sopportare un altro colpo alle proprie infrastrutture. Significherebbe isolarla ancora di più in un momento di crisi economica e all’inizio della stagione turistica estiva con ricadute negative non solo sulla vita dei pendolari e dei lavoratori ma di tutti i valdostani.

 

Sembra che, al di là delle tante parole spese su “spending review”, crescita e sviluppo, il governo Monti stia ricalcando gli stessi errori del passato. I tagli lineari, senza nessuna valutazione di merito e senza una analisi seria e concertata delle condizioni di quel dato territorio o di quel servizio producono solo danni.

 

Questa prospettiva si sommerebbe a quelle negative, e già da noi criticate, indicate dalla Regione determinando uno  scenario devastante: la chiusura della Aosta-PreSaintDidier; la riduzione delle corse locali tra Aosta e Ivrea senza più fermate ad Hone o a Nus; nessuna soluzione per la rottura di carico a Chivasso e Ivrea; un ulteriore degrado del servizio per la mancanza degli investimenti necessari; un ulteriore incremento del trasporto su gomma con tutti i danni ambientali ed economici che questo provoca.

 

Per questo ci uniamo volentieri alle istituzioni e ai sindacati per chiedere al governo e al Ministro Passera di rivedere decisioni che non aiuterebbero la situazione economica complessiva e che non inciderebbero significativamente sul bilancio dello stato ma che provocherebbero problemi seri a migliaia di cittadini.

 

Al contrario i Pendolari Stanchi hanno le idee chiare su cosa si dovrebbe fare anche per ottimizzare i costi generali dei trasporti:

 

-Concludere l’iter per il passaggio delle competenze statali in materia separando la gestione ordinaria dall’onere degli investimenti.

 

-Definire con Trenitalia un nuovo contratto di servizio che punti a garantire qualità ed efficienza dei trasporti ed esigibilità dei diritti dei pendolari.

 

-Riorganizzare l’intero comparto dei trasporti puntando sull’integrazione effettiva tra ferro e gomma

-Promuovere politiche di promozione e di sostegno all’uso del treno

 

-Definire un piano di investimenti di medio periodo per ammodernare la tratta ferroviaria tra Chivasso e PreSaintDidier prevedendo l’elettrificazione e il rinnovo del materiale rotabile immaginando soluzioni in cui la Regione sia davvero protagonista delle scelte e della gestione.

 

Per questo invitiamo urgentemente il ministro ad un confronto e ci impegneremo ad informare e a mobilitare i cittadini per evitare lo scenario prospettato. Ci auguriamo, anche, che questa ennesima crisi, spinga la Regione a rivedere alcune delle scelte fatte o annunciate in materia di trasporti.

 

 

 

 

Prosegue, intanto, la raccolta di firme per salvare la Aosta-PrèSaintDidier. Sabato 30 saremo dalle 9,30 alle 13 in piazza Chanoux e dalle 13 alle 19 in pizza des Frachieses. Il 2 Luglio al mercato di Verres.

Ad oggi sono state raccolte 2100 firme

 

 

 

24 giugno 2012

Il resoconto Twitter della Pendolata di ieri sulla Aosta-PrèSaintDidier

PendolaristanchiVda ‏@PendolariVDA

‪#pendolaristanchivda Inizia alle 10 la “pendolata” per salvare la Aosta-PrèSaintDidier. Voi ci siete?

PendolaristanchiVda ‏@PendolariVDA

‪#pendolaristanchivda Partiti! pic.twitter.com/gNL5zL3z

PendolaristanchiVda ‏@PendolariVDA

‪#pendolaristanchivda Vista n1 dal treno AOPSD. pic.twitter.com/LvympmD7

PendolaristanchiVda ‏@PendolariVDA

‪#pendolaristanchivda chiacchierata con la stampa del Presidente Giugler pic.twitter.com/XV2SnRiU

PendolaristanchiVda ‏@PendolariVDA

‪#pendolaristanchivda Sul treno c’è vita! pic.twitter.com/0Vjk8Li1

PendolaristanchiVda ‏@PendolariVDA

‪#pendolaristanchivda Vista n2 dal treno AOPSD pic.twitter.com/skwSvlce

read more »

21 giugno 2012

CERIMONIA COMMEMORATIVA INCIDENTE DI CALUSO 10-06-1992

Immagine

CALUSO 10/06/1992 – 10/06/2012

Il 10-06-2012 si è compiuto il ventennale dell’incidente ferroviario di Caluso dove persero la vita il Macchinista Mauro Guscelli e 5 viaggiatori e decine di feriti, fra cui il secondo Macchinista

Il 24 giugno 2012 fra le ore 10,30 e le 11,30
a ricordo dell’evento si svolgerà nella stazione di Caluso una “Cerimonia commemorativa”.

All’iniziativa ha aderito il Comune di Caluso.
Per la Cerimonia Caluso potrà essere raggiunta in treno:

  • Andata: treno 1805 Torino P.N. ore 09:30 – Chivasso 09:57;
    treno 10083 Chivasso 10:15 – Caluso 10:25 circa (fermata straordinaria).

  • Ritorno: treno 10092 Caluso 11:40 circa (fermata straordinaria) – Chivasso 11:52; treno 24820 Chivasso 12:06 – Torino P.N. 12:45.

    A CURA DEL COMITATO SPONTANEO FERROVIERI TORINO

 
19 giugno 2012

Banchetto oggi al mercato di Aosta

Oggi raccogliamo al mercato di Aosta sul lato di via Torino. Venite a firmare!

20120619-091342.jpg

17 giugno 2012

LaStampa: Ferrovia, il cerino finisce alla Regione Marguerettaz: “Il tagli dipendono dal ministero, non da noi”

 
 
 
 
AOSTA DANIELE  MAMMOLITI
Siamo di certo preoccupati e speriamo che si riescano a trovare soluzioni in tempi rapidi». Massimo Giugler, presidente da un mese dell’associazione Pendolari Stanchi, commenta così la nuova grana scoppiata sulla ferrovia valdostana. Una doccia fredda che è emersa da un carteggio tra Trenitalia e ministero delle Infrastrutture, nella quale l’azienda minaccia il taglio dei servizi di trasporto regionale – a partire già dal 1˚ luglio – come risposta alla riduzione dei trasferimenti nell’ambito del contratto di servizio, scesi dai 23,8 milioni di euro del 2011 ai 19 milioni evocati dall’amministratore delegato della stessa Trenitalia «in base alle informazioni in nostro possesso». Una situazione in cui la Regione pare costretta a giocare un ruolo da spettatrice: «È da chiarire spiega l’assessore ai Trasporti, Aurelio Marguerettaz – che i soldi previsti dal contratto di servizio come corrispettivo per i servizi ferroviari non sono sborsati dalla Regione. Sono trasferimenti che fa lo Stato all’azienda. Quindi il taglio è da imputare al ministero, al quale in effetti Trenitalia si rivolge». Trenitalia, però, ha mandato la stessa lettera «per conoscenza» anche in assessorato: «È così conferma Marguerettaz – ed è evidente che il messaggio tra le righe sia: se lo Stato non vuole pagare ci pensi la Regione». E infatti proprio Trenitalia ha annunciato di aver «dato indicazione alla nostra Direzione regionale di prendere immediato contatto con le strutture della Regione per definire il programma di adeguamento del servizio ponendo la massima attenzione a ridurne il più possibile le conseguenze sull’utenza finale».

Il paradosso è che, mentre in una realtà autonoma come quella valdostana il contratto di servizio è tra azienda e Stato, altrove sono direttamente le Regioni a contrarre le intese con Trenitalia. L’iter per il trasferimento alla Regione della titolarità del servizio è stato avviato e, quando sarà compiuto, il trasporto ferroviario potrà anche essere oggetto di appalto. Come ricorda Marguerettaz, però, la Regione aveva chiesto che il passaggio di funzioni si concludesse dopo una serie di investimenti da parte di Ferrovie dello Stato sulla linea, «ma non ci sono più soldi – dice – e nulla è stato fatto». Secondo Giugler, lo stallo «resta uno dei problemi», perché «in questo modo davvero la Valle rischia di essere solo uno spettatore di quanto viene deciso altrove». Tuttavia Giugler aggiunge: «Da parte dell’amministrazione regionale dovrebbe esserci una maggiore consapevolezza sul fatto che il trasporto pubblico, in particolare quello su rotaia, deve essere considerato una priorità. I dati secondo cui gli utenti della tratta tra Torino e Pré-Saint-Didier sono aumentati dicono molte cose e vanno tenuti in conto. Io spero che prima o poi si decida davvero di investire e che lo si faccia con convinzione».

15 giugno 2012

Aostasera: Marguerettaz scrive “di nuovo” a Ministero e Trenitalia per non far tagliare il servizio

Aosta – L’assessore ai Trasporti invita Trenitalia a non ridurre il servizio ferroviario regionale. Trenitalia si dice constretta al taglio se per il 2012 non sarà garantito il pagamento del servizio sui livelli del 2011. Riflessi negativi sull’occupazione.

“La Regione Autonoma Valle d’Aosta esprime la massima contrarietà ad ogni possibile riduzione del servizio ferroviario, già gravato da rilevanti problemi noti a codesto Ministero, e pertanto richiede alla Direzione generale del Trasporto Ferroviario, titolare del contratto di servizio nei confronti di Trenitalia, di adottare ogni possibile provvedimento al fine di non penalizzare ulteriormente gli utenti valdostani, nelle more del trasferimento delle competenze ai sensi della d.lgs 194/2010. Distinti saluti”. E’ la nuova puntata di una telenovela che forse come “Sentieri” non avrà mai fine. In sei righe si riassume l’ennesimo appello dell’Assessore regionale ai Trasporti, Aurelio Marguerettaz, che con una lettera inviata al Ministero delle Infrastrutture, all’Amministratore delegato di Trenitalia SpA e alla direzione regionale di Trenitalia, chiede di tagliare ulteriormente i servizi di trasporto regionali.

La presa “di penna” nasce dalla nota di Trenitalia, a firma del suo Amministratore delegato Viniero Soprano, del 7 giugno 2012 nella quale Trenitalia avverte che “sarà costretta, al fine di garantire la sostenibilità economica-finanziaria del contratto di servizio, ad attuare, già a partire dal prossimo 1° luglio 2012, una progressiva riperimetrazione del servizio della Regione Valle d’Aosta”. La direzione regionale di Trenitalia ha avuto mandato di contattare le strutture della Regione per definire il programma di adeguamento del servizio “ponendo la massima attenzione a ridurre il più possibile le conseguenze sull’utenza finale”. L’ultima riga sembrerà una battuta ai pendolari che ormai da qualche anno vivono il trasporto ferroviario regionale come un incubo. Ma il taglio del servizio è ancor più grave là dove andrà a toccare anche i livelli occupazionali legati al servizio stesso.

read more »

11 giugno 2012

“Vieni con noi sulla Aosta- PrèSaintDidier! Sabato 23 tutti sul treno per vedere, dal vivo, perché bisogna salvare la ferrovia”

L’Associazione PendolariStanchiVda, in collaborazione con Legambiente e Arci-Espace Populaire, organizzano una gita collettiva fino a PrèSaintDidier per conoscere da vicino questa tratta ferroviaria. Una tratta ferroviaria che la Regione vuole chiudere ma che se, fosse realmente riqualificata, potrebbe avere notevoli potenzialità. Vedere per credere.

Per illustrare le nostre ragioni invitiamo in modo particolare gli operatori della stampa a fare il viaggio con noi.

Nel corso del tragitto (50’) illustreremo il documento che abbiamo presentato al consiglio regionale, lo stato dell’arte della raccolta firme sulla petizione popolare che abbiamo proposto e le prossime iniziative.

Il programma della giornata prevede, partenza alle ore 10,30 dalla stazione di Aosta, conversazione con la stampa sul treno. Arrivo a Pré-Saint-Didier, pranzo “al sacco” in piazza presso il banchetto di raccolta firme, ritorno nel pomeriggio.

Abbiamo invitato a prendere parte a questa “pendolata” i consiglieri regionali, i sindaci dei comuni sulla tratta, gli operatori del comparto turistico per vedere, insieme a noi, come si viaggia sulla AOPSD ma anche e sopratutto come si “potrebbe” viaggiare se si provvedesse seriamente a progettarne il rilancio e l’ammodernamento.

Sono gradite chitarre, macchine fotografiche, twitt-living, videocamere, disegnatori e artisti… per animare e documentare la giornata. Raccoglieremo tutte le testimonianze sul nostro sito.

Chi volesse partecipare è invitato a prenotarsi entro il 18 Giugno al 3934670550 oppure scrivendo una mail all’indirizzo pendolaristanchivda@gmail.com in modo da poter programmare con Trenitalia i posti sul treno, accedere al biglietto comitiva e partecipare all’estrazione “semiseria” di tre abbonamenti mensili fruibili sulla linea!

Scarica il volantino   23 Giugno Volantino

1 giugno 2012

I prossimi banchetti dove firmare