Archive for novembre 22nd, 2011

22 novembre 2011

COMUNICATO STAMPA: È IL MOMENTO DI SCELTE IMPORTANTI PER IL FUTURO DELLA FERROVIA TORINO – AOSTA

L’affollato Convegno di Chivasso del 18 novembre dal titolo “Tramontato il progetto Lunetta: quali prospettive per la linea ferroviaria Torino-Chivasso-Aosta” è stata una importante occasione di confronto tra tutti gli interlocutori interessati al futuro della ferrovia.

Anche se l’assessore ai trasporti della Valle d’Aosta ha espresso ancora qualche tentennamento, la decisione di mettere per sempre nel cassetto dei brutti ricordi il progetto Lunetta deve considerarsi un elemento definitivamente acquisito.

Il problema emerso con forza è stato decidere come investire diversamente le risorse (circa 35 milioni di euro ancora non impiegati a fronte dell’iniziale finanziamento di 40) disponibili per il potenziamento strutturale della linea.

A confronto due tesi: o l’acquisto dei locomotori bimodali, oppure l’elettrificazione della tratta Ivrea – Aosta.

Per entrambe queste scelte, alternative tra di loro, i finanziamenti disponibili non sono sufficienti: i bimodali costerebbero circa 60 ML€, l’elettrificazione intorno a 90 ML€. In ogni caso, le Regioni Valle d’Aosta e Piemonte devono reperire nuove risorse, proprie o dallo stato centrale.

L’assessore valdostano Marguerettaz, a sostegno della scelta per i bimodali fa leva su costi inferiori, tempi di attuazione più brevi (ma non meno di 26 mesi) e le difficoltà frapposte da alcune amministrazioni comunali nel cui territorio dovranno essere costruite le sottostazioni elettriche.

Tutti gli altri presenti al Convegno, dai Comuni di Chivasso e Ivrea all’Agenzia per la Mobilità Metropolitana, dai Comitati dei pendolari ai parlamentari e consiglieri regionali, fino alla stessa Trenitalia, sono per l’elettrificazione.

Prima di tutto, i locomotori bimodali sono un “oggetto misterioso”: in Italia non esistono e, dopo l’acquisto, per entrare in esercizio dovrebbero prima passare la fase di omologazione da parte di RFI, non priva di incognite, come ha dimostrato la vicenda degli elettrotreni veloci francesi fermati a Modane.

Sarebbero comunque gli unici in Italia. Come ha precisato il dirigente presente al Convegno: “Non fanno parte del piano industriale di Trenitalia”. Ciò implica problemi di gestione e manutenzione di questi materiali.

Inoltre nessuno è in grado di dire se i tempi di percorrenza non saranno ulteriormente sacrificati dalla necessità di passare in linea dalla trazione diesel a quella elettrica, con in più la complicazione dell’inversione di marcia a Chivasso.

Ma soprattutto, i bimodali sarebbero una soluzione per i prossimi 15/20 anni, mentre l’elettrificazione è una soluzione per i prossimi 100 anni!

Elettrificare la tratta tra Ivrea e Aosta farebbe diventare finalmente la Torino – Aosta una ferrovia normale, adeguata alle tecnologie presenti nel resto del territorio italiano, mentre l’impiego dei bimodali perpetuerebbe la condanna ad essere una ferrovia anomala e arretrata.

Comitato Pendolari Stanchi VDA  https://pendolaristanchivda.wordpress.com/

Associazione Utenti Ferrovia Chivasso – Ivrea – Aosta http://www.utenti-chivasso-ivrea-aosta.it/

page1image24848

Ivrea – Aosta, 21 novembre 2011

22 novembre 2011

Dal convegno di Chivasso: Elettrificazione!

Venerdì 18 Novembre a Chivasso l’amministrazione comunale ha organizzato un’importante momento di confronto sul futuro della tratta ferroviaria Aosta-Ivrea-Chivasso. Lo spunto è stata “l’annunciata” volontà della regione Piemonte e delle Regione Valle d’Aosta di rinunciare al progetto della Lunetta di Chivasso che, dopo aver incontrato numerose difficoltà progettuali e l’opposizione del comune e dei comitati dei pendolari, sembrerebbe essere stato accantonato. Questa svolta apre nuovi scenari. Dei 40 milioni che vi erano destinati in funzione della posta di bilancio della finanziaria 2006 voluti dal governo Prodi e dai parlamentari valdostani Nicco e Perrin ne sono rimasti 35. Come utilizzarli? L’assessore Marguerettaz ha ribadito  l’intenzione della Vda di spenderli per acquistare i locomotori bimodali adducendo due ragioni sostanziali. La prima è che, secondo lui (ma non secondo Trenitalia che ha smentito) i minuetto sono ormai da sostituire. Nel 2006 la regione finanziò la messa in servizio di 9 treni Minuetto per la ragguardevole cifra di 30 milioni di euro. Oggi dopo solo 5 anni sarebbero da cambiare. E’ vero che Trenitalia ha intavolato una trattativa con la Aston per risolvere i tanti problemi dei minuetto attraverso una manutenzione straordinaria ma non si parla di sostituzioni. La seconda ragione (già nota) è il giudizio negativo della regione nei confronti del progetto di elettrificazione presentato da Rfi. L’assessore ha richiamato nuovamente vecchi studi progettuali che quantificavano il costo della modernizzazione della linea in un miliardo di euro anziché i 90 milioni del preliminare che è stato presentato. L’ing. Mercatari di Rfi, anch’esso presente all’incontro, ha ribadito la bontà e la credibilità del loro progetto. Da parte degli altri intervenuti (sen Fruttero del Pdl, cons reg Tentoni del Pdl, la cons reg Pentenero del PD gli amministratori del comune di Ivrea e di Chivasso e i comitati dei pendolari della Valla d’Aosta, di Ivrea e di Chivasso) è venuto un vero e proprio fuoco di fila. Pur riconoscendo che la scelta spetta alla Regione valle d’Aosta  tutti hanno chiesto a Marguerettaz di ripensarci e di trovare le forme e le risorse per procedere all’elettrificazione. I bimodali rappresenterebbero, infatti, una toppa costosa che non garantisce in nessun modo un alleggerimento dei tempi di percorrenza. I tecnici presenti hanno evidenziato che la tecnologia dei bimodali richiederebbe comunque, nel passaggio tra diesel e elettrico 10 minuti di fermata e non sono ancora chiare le modalità dell’inversione di marcia a Chivasso e il modello di servizio e di manutenzione che dovrebbe essere adottato.

Speriamo in una illuminazione sulla via… di Ivrea, Chivasso, Torino. Sarebbe ora.

 

Fabio Protasoni