COMUNICATO STAMPA Con la fine dell’estate anche il Comitato Pendolari Stanchi riprende il suo lavoro affinché anche la Valle d’Aosta possa avere una ferrovia normale.

Aosta Venerdì 30 Settembre 2011.

Ci siamo lasciati con la pubblicazione dei dati di un questionario che metteva in evidenza i problemi irrisolti della linea ferroviaria Torino – Aosta – Pré – Saint – Didier, ma soprattutto con un Consiglio e una Giunta regionale che di fatto non ha accettato le proposte che gli utenti della ferrovia, tramite il comitato e la raccolta di più di 3500 firme, avevano presentato.

Il Consiglio regionale ha trovato il modo per “dimenticare” i problemi della ferrovia con la scusa che l’alto costo dell’elettrificazione e del raddoppio, potranno essere affrontati solo se si riesce a dare uno sfogo internazionale alla linea – con la realizzazione ad esempio del collegamento ad alta velocità Martigny – Aosta, progetto che tutti sanno che non realizzabile (gli Svizzeri non lo hanno mai voluto, i corridoi internazionali scelti sono altri, i danni al territorio sarebbero devastanti) per poter attirare contributi pubblici e privati.
La situazione di oggi non è pertanto migliorata di molto. Se da un parte l’attenzione continua del comitato e dei cittadini hanno “obbligato” le FFSS a migliorare il servizio riducendo i casi di ritardo, dall’altra rimangono situazioni da terzo mondo (carrozze sporche, disagi dovuti a porte che non si aprono, l’arrivo del treno da Pré-Saint-Didier distante dalla coincidenza per Torino, in alcuni casi treni con posti a sedere limitati nelle ore di punta e treni semivuoti negli altri orari, e soprattutto il problematico passaggio dal binario 4 o 5 al 6 nella stazione di Chivasso scomodo e pericoloso ).
Ma non mancano notizie molto più gravi come la conferma delle voci sull’intenzione di FFSS di chiudere la tratta Aosta – Pré-Saint-Dier , forse per farne una pista ciclabile, secondo gli auspici di un noto Consigliere regionale, e il timore che l’Amministrazione regionale voglia scaricare la scelta di non ammodernare la linea con la scusa della crisi economica.
Abbiamo comunque deciso di continuare la nostra campagna con l’appoggio di tutti i cittadini, vigilando e denunciando tutti i malfunzionamenti e tutte le scelte volti ad impedire la realizzazione di una futura ferrovia migliore e Normale.

One Comment to “COMUNICATO STAMPA Con la fine dell’estate anche il Comitato Pendolari Stanchi riprende il suo lavoro affinché anche la Valle d’Aosta possa avere una ferrovia normale.”

  1. FERROVIA: GESTIONE MARGUERETTAZ FALLIMENTARE, SI DIMETTA
    11 October 2011

    Il Partito Democratico della Valle d’Aosta esprime sorpresa e sgomento per la condotta superficiale tenuta dall’Assessore regionale ai Trasporti Aurelio Marguerettaz sul caso ferrovia, dalla quale si evince nessun interesse vero e sincero per l’ammodernamento di una infrastruttura indispensabile per il futuro del turismo e del trasporto pendolare in Valle d’Aosta, soprattutto in un momento in cui l’aumento dei costi della benzina e delle tratte autostradali rende indispensabili altre forme di mobilità.

    In particolare, destano sconcerto le recenti dichiarazioni dell’Assessore sull’utilizzo dei 40 milioni di euro stanziati anni fa dall’allora Governo Prodi per la realizzazione della cosiddetta ‘lunetta’ di Chivasso, e che invece, secondo Marguerettaz, verranno utilizzati per alcuni piccoli interventi di manutenzione della linea ferroviaria attuale e per l’acquisto di motrici bimodali.

    Sottolinea il segretario regionale del PD Valle d’Aosta, Raimondo Donzel: “Ci chiediamo se con queste dichiarazioni Marguerettaz intenda ammettere ufficialmente che il progetto della lunetta di Chivasso è saltato. Da chi è stata fatta e quando è stata comunicata questa scelta? C’è quindi un patto tra l’UV e l’Assessorato PdL ai Trasporti della regione Piemonte per spartirsi la torta dei soldi della lunetta (al Piemonte l’eliminazione dei passaggi a livello e il miglioramento della tratta, alla Valle l’acquisto dei treni bimodali, che comunque sarebbero disponibili solo tra quattro anni) senza dare un futuro alla ferrovia, perché l’abbandono della lunetta di Chivasso doveva portare al progetto di elettrificazione della linea Ivrea-Aosta. Riversare sullo Stato ogni responsabilità, a pochi giorni dagli incontri trionfali della dirigenza UV con il segretario del PdL Alfano, il ministro La Russa e il capogruppo Gasparri, significa assecondare una politica ridotta a pura immagine-fiction, lontana dalla dura realtà che vivono i cittadini”.

    Aggiunge Donzel: “L’acquisto dei treni bimodali prevede inoltre un’incognita che l’assessore non ha mai voluto affrontare: visto il loro costo elevato e il fatto che saranno utilizzati quasi esclusivamente sulla nostra linea, non sarà possibile sostituirli in caso di guasto e oltretutto occorrerà attrezzare un’officina con manutentori specializzati che ad oggi non esistono. Non è chiaro dunque chi assumerà e formerà il personale che avrà il compito di manovrare e fare le necessarie manutenzioni a questi treni. Si tratta di una proposta campata per aria, tanto per prendere tempo e passare la boa delle prossime elezioni”.

    Conclude il segretario del PD: “la gestione della ferrovia da parte dell’Assessore Marguerettaz è meno di zero, come dimostra anche il recente caos sul treno speciale per il Forte di Bard, con grave danno per l’immagine turistica della nostra regione. Tutto sarà rinviato alla prossima legislatura. Marguerettaz ha certo ereditato una situazione difficile, ma la lascia peggio di prima, senza prospettive, ribaltando tutte le responsabilità sui suoi alleati nazionali del PdL. Visto che le soluzioni sono rinviate a un futuro indeterminato e al prossimo assessore, Marguerettaz dovrebbe rassegnare sin da ora le sue dimissioni”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: