Archive for dicembre, 2010

31 dicembre 2010

Nessuna alternativa. Da Gennaio l’Autostrada Ao-TO costerà il 18,95% in più

Leggete cosa scrive il Sole 24Ore:

ROMA
La sorpresa che gli italiani troveranno al casello dalla mezzanotte di domani non sarà piacevole. I pedaggi autostradali (si veda quanto anticipato dal Sole 24 Ore del 29 dicembre) aumenteranno in modo sensibile, con una media ponderata su tutto il tracciato autostradale nazionale che arriva al 7 per cento. Un numero che stride con il dato ufficiale (ma in realtà parziale) diffuso ieri dall’Anas che riferisce di aumento medio del 3,3 per cento. Già, perchè prima con la riforma del settore del 2006 e poi con le manovre finanziarie degli ultimi anni è stato introdotto e poi elevato un nuovo balzello che non va nelle tasche dei gestori delle autostrade, ma entra nelle casse dell’Anas. Al 3,3 per cento va aggiunto infatti il sovrapprezzo, che ai sensi della legge 122 del 2010 citata nel comunicato Anas, si traduce in altro 3,7% circa da sommare agli aumenti dei pedaggi chiesti dai concessionari. Oltre la metà del costo dei pedaggi, dunque, è riconducibile a una sorta di nuova tassa che si paga allo Stato: l’Anas, infatti, è costretta a rivalersi sugli automobilisti perchè il ministero dell’Economia gli sta tagliando i fondi per le spese di funzionamento. L’ente aveva incassato nel 2010 dal sovrapprezzo 270 milioni, il prossimo anno sarà di più.
I numeri ufficiali diffusi ieri confermano – in verità forse sono anche peggiori – quanto anticipato dal Sole 24 Ore. Gli aumenti per singola tratta registrano impennate fino al 18,95%, riconosciuto alla Sav spa, che gestisce la Torino-Aosta, rinconducibile al gruppo Gavio.

read more »

30 dicembre 2010

Quindici giorni per sapere cosa ci succederà

Mercoledì 29 si è svolta a Ivrea una riunione organizzata dalla regione Piemonte con Trenitalia e RFI per analizzare la situazione della tratta Aosta-Torino. Le aziende si sono impegnate a proporre delle soluzioni per metà Gennaio.

Il resoconto su AostaSera…. 

I rappresentanti di Federconsumatori e del comitato Utenti valdostani hanno rilasciato dichiarazioni preoccupate per la posizione espressa dall’Associazione Utenti Ferrovia Chivasso – Ivrea – Aosta circa la possibilità di effettuare la rottura di carico ad Ivrea. La riunione è stata effettuata ad Ivrea proprio per verificarne la possibilità.

read more »

22 dicembre 2010

I pendolari consegnano un esposto a Rollandin “per ripristinare le condizioni di civiltà sui treni”

Dal sito Aosta Sera

Un esposto per denunciare i continui disagi e ritardi sulla tratta Aosta-Torino è stato consegnato al Presidente della Regione, Augusto Rollandin, in qualità di prefetto, da parte del comitato  pendolari Aosta /Torino e della Federconsumatori.

I pendolari chiedono in particolare a Rollandin che “siano ripristinate le normali condizioni di civiltà e di sicurezza sui treni che percorrono la tratta ferroviaria Pré-Saint-Didier/Aosta/Torino.”

Come si legge nella nota “i gravi disagi che subiscono quotidianamente gli utenti della suddetta linea ferroviaria, sono diventati ormai inconciliabili con il diritto ad avere garantito un servizio di trasporto civile e sicuro.  I continui ritardi, che arrivano a superare anche le tre/quattro ore, le inspiegabili fermate lungo il percorso (lontano dalle stazioni ferroviarie tenendo quasi in “ostaggio” i viaggiatori), la sporcizia e il degrado delle carrozze, il cattivo funzionamento sia del riscaldamento sia dell’aria condizionata, i servizi igienici incompatibili con la dignità umana,

read more »

21 dicembre 2010

Concorso: Il miglior biglietto di Auguri all’Assessore dei pendolari stanchi

E’ Natale. Arriva l’anno nuovo e tutti siamo più buoni e facciamo propositi per l’avvenire. Che auguri fanno i Pendolari Stanchi? Provate anche voi a cimentarvi. Costruire il vostro biglietto d’auguri all’Assessore Marguerettaz e mandatecelo… dopo che lo avrete fatto avere anche a lui ovviamente.

Facciamo sentire alle istituzioni che li pensiamo e che, da bravi Pendolari Stanchi, sono sempre nel nostro cuore.

Spedite i vostri lavori a:

“a.marguerettaz@regione.vda.it”

e a noi..

pendolaristanchivda@libero.it

Intanto che ne pensate di queste?

Scaricatele pure e mandatele voi….



21 dicembre 2010

Appunti sulla riunione di Martedì 20 Dicembre

Dall’Assemblea con i Pendolari e gli utenti della tratta ferroviaria Aosta Torino è emerso:

Il divieto di transito dei treni diesel nella stazione sotterranea di Porta Susa sta aggravando radicalmente i disagi quotidiani dei passeggeri aumentando i ritardi e il tempo complessivo di percorrenza.

Il degrado crescente del materiale viaggiante che rende spesso invivibile il viaggio, le difficoltà organizzative di Trenitalia e la novità del nuovo assetto a Porta Susa si sono sommate ai già annosi problemi di un collegamento ferroviario fondamentale per i territori valdostani e canevesani e per le migliaia di persone che mensilmente utilizzano il treno per recarsi al posto di lavoro o di studio.

In questi anni non ha fatto passi avanti sostanziali il progetto dell’elettrificazione della tratta tra Chivasso e Aosta né quello di raddoppio selettivo né la riduzione nel tratto piemontese dei passaggi a livello che permetterebbero l’ammodernamento definitivo del servizio e un abbassamento importante dei tempi di percorrenza.  Le istituzioni Regione Valle d’Aosta ed Regione Piemonte giocano a rimpiattino con Trenitalia e Rfi  con lo scopo di scaricare responsabilità limitandosi a lettere di protesta o ha fantomatiche “ispezioni” di cui non si conosce né esito né scopo. Le aziende, dal canto loro, hanno tergiversato e preso tempo, rimpallandosi le loro diverse competenze, con lo scopo, probabilmente, di giustificare il crescente disinvestimento sulla tratta che vedrà, per l’Italia intera, soppressioni, dismissioni e aggravi delle tariffe.

Questa situazione non è più tollerabile.

Si chiede con forza che venga affrontata immediatamente l’emergenza dei pendolari e degli utenti della linea ferroviaria Aosta Torino e di agire per ripristinare una “decenza” quotidiana del viaggio adeguando le risorse umane e materiali necessarie e di agire per stabilizzare i tempi di percorrenza, anche attraverso la sottoscrizione di un contratto di servizio con Trenitalia che preveda sanzioni al gestore e rimorsi per gli utenti nei casi di ritardi non fisiologici o gravi disservizi. Affidabilità e qualità del viaggiare sono elementi necessari per fare della mobilità ferroviaria una opzione fruibile da parte dei cittadini.

read more »

21 dicembre 2010

Pendolari stanchi, arrabbiati e on-line

L’anno che stiamo lasciando alle spalle è stato uno dei peggiori per il trasporto ferroviario valdostano. L’esperienza del pendolare e dell’utente medio della tratta Aosta – Torino non è mai stata così degradante con ritardi sempre più ricorrenti, i vagoni in condizioni pessime, le carrozze fredde d’inverno e roventi d’estate. Cresce la stanchezza e l’arrabbiatura per una situazione che sembra non trovare strade di soluzione. Questo sito nasce sulla scia di una Assemblea dei pendolari, organizzata dal Partito Demcoratico, e dalla voglia di molti, emersa in quella sede, di fare qualcosa, di rimanere in collegamento continuando a sollecitare le forze sociali, quelle politiche, le istituzioni e  tutti i cittadini a non disinteressarsi della questione. Una tratta ferroviaria efficiente, veloce e moderna non una questione di pochi. E’ un modo costruire il futuro sviluppo della Valle d’Aosta.